lunedì 16 settembre 2019

K2-18b, il primo pianeta abitabile con acqua nell'atmosfera

Riproduzione grafica di K2-18b. Credits: ESA/Hubble, M. Kornmesser

La novità è che K2-18b è il primo esopianeta - pianeta al di fuori del nostro sistema solare - a trovarsi in una zona abitabile, cioè a una regione intorno alla sua stella che potrebbe consentire la presenza di acqua liquida, e nel quale, allo stesso tempo, è stata riscontrata la presenza di acqua nell'atmosfera. Purtroppo, però, di questo pianeta non si sa niente di più. Saranno necessari ulteriori studi e nuove tecnologie per approfondire la questione. Di sicuro K2-18b sarà tenuto sotto osservazione con un occhio di riguardo.

IL PIANETA

K2-18b è un pianeta roccioso otto volte più grande della Terra e orbita attorno a una stella nana rossa, cioè più piccola del Sole, che si trova a circa 110 anni luce da noi. Data l'altissima attività della stella, l'ambiente intorno al pianeta potrebbe essere più ostile alla vita che sulla Terra, nel senso che ci potrebbero essere molte più radiazioni. Inoltre, essendo molto più grande del nostro pianeta, anche la gravità, laggiù, sarebbe moltiplicata. Proprio per le sue dimensioni, K2-18b appartiene alla categoria delle "super-Terre", vale a dire esopianeti con massa oscillante tra quella della Terra e quella di Nettuno.

LO STUDIO, ANZI GLI STUDI

Innanzitutto la scoperta di K2-18b risale al 2015, quando il pianeta fu identificato dal telescopio spaziale Kepler della NASA. Dopodiché gli studi che hanno scoperto l'unicità del pianeta sarebbero due, uno pubblicato su arXiv e sottoposto all'Astronomical Journal, l'altro pubblicato su Nature Astronomy. Il primo studio è stato condotto dall'Università di Montréal, il secondo dallo University College of London (UCL). Le pubblicazioni degli articoli sono avvenute rispettivamente il 10 e l'11 settembre.

Il team britannico ha usato l'archivio dati del telescopio spaziale Hubble tra il 2016 e il 2017 e ha sviluppato un algoritmo per analizzare la luce della stella filtrata attraverso l'atmosfera di K2-18b. I risultati hanno mostrato tracce molecolari di vapore acqueo, e hanno inoltre suggerito la presenza di idrogeno ed elio nell'atmosfera del pianeta.

Dal canto suo, l'Università di Montreal non è affatto estranea a K2-18b. Il prof. Björn Benneke dell'Institute for Research on Exoplanets all'Università di Montréal, e il suo team, avevano confermato l'esistenza di K2-18b in un loro articolo già nel 2016, usando i dati provenienti dal telescopio spaziale Spitzer. La attuale scoperta di vapore acqueo nell'atmosfera del pianeta è stata possibile grazie all'osservazione e combinazione tra loro di otto transiti di K2-18b davanti alla sua stella osservati dal telescopio spaziale Hubble. Il team di Benneke ha sostanzialmente fatto la stessa cosa dello studio britannico, ricavando dati sul pianeta mentre questo passava davanti alla sua stella.


LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Il co-autore dello studio britannico Ingo Waldmann ha detto: "Con così tante super-Terre che ci si aspetta di scoprire nei prossimi decenni, è probabile che questa sia solo la prima di tante potenziali scoperte di pianeti abitabili dello stesso tipo. Questo non solo perché le super-Terre come K2-18b sono i pianeti più comuni nella nostra galassia, ma anche perché le stelle nane rosse - più piccole del nostro Sole - sono anch'esse le stelle più comuni".

Björn Benneke dell'Università di Montréal ha detto: "Questo rappresenta il più grande passo condotto finora verso l'obiettivo finale di trovare la vita su altri pianeti o di provare che noi non siamo soli. Grazie alle nostre osservazioni e al modello climatico di questo pianeta, abbiamo mostrato che il suo vapore acqueo potrebbe condensarsi in acqua liquida".

3 commenti:

  1. Molto diverso da "Caldogiove", il primo esopianeta scoperto nel 1995.
    Complimenti per il bel blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' unico nel suo genere... finora, perché in futuro ne scopriranno altri simili (l'Universo è troppo grande e gli indizi già ci sono). Grazie per il "bel blog"!

      Elimina
    2. E grazie per il fatto di seguirmi. Sei il primo ad averlo fatto e non lo dimenticherò.

      Elimina