martedì 30 giugno 2020

Nel buio tra le stelle: una macedonia di horror, fantascienza e onde gravitazionali


Il 2016 è stato un anno di scoperte scientifiche davvero speciali. Per dirne una, nel febbraio di quell'anno è stata annunciata la prima rilevazione delle cosiddette onde gravitazionali, che si manifestano come propagazioni di minuscole increspature nello spazio-tempo.

Un'altra interessante scoperta annunciata nel 2016 è stata quella relativa a Proxima b, un esopianeta potenzialmente abitabile tutto particolare perché orbitante intorno alla stella Proxima Centauri, che essendo molto vicina alla Terra (solo 4.22 anni luce la separano dal nostro pianeta) ha scatenato l'immaginazione di molti in merito a eventuali viaggi futuri verso quella destinazione.

Nel racconto "Nel buio tra le stelle" di Mercurio D. Rivera - pubblicato in ebook nella collana Biblioteca di un sole lontano - sono inserite entrambe le scoperte. Il grande pregio del racconto è proprio il suo aggiornamento scientifico, unitamente all'invenzione di ipotesi che abbattono le frontiere del possibile, ampliando con l'immaginazione ciò che ad oggi si conosce grazie alla scienza reale.

Insomma, è vero che l'autore inserisce nel suo racconto sia le onde gravitazionali che l'esopianeta Proxima b, ma è anche vero che si porta ben oltre nella speculazione. Facciamo un esempio: sappiamo che le onde gravitazionali si formano generalmente in seguito ad alcuni fenomeni astronomici come la collisione tra due buchi neri. Ebbene, Mercurio D. Rivera si inventa un'altra possibile origine delle onde gravitazionali che apre le porte a una storia oscillante su una linea sottile tra l'horror e la fantascienza.

Il piccolo neo di un racconto così aggiornato scientificamente e così intuitivo in merito all'immaginazione del possibile è che presenta forse troppi elementi per una storia così breve. Stiamo parlando di un'opera davvero interessante sotto molti aspetti, anche se non è ridotta pienamente all'essenziale. Resta il fatto che "Nel buio tra le stelle" rappresenta uno degli esempi emblematici di come un racconto di fantascienza al passo con i tempi dovrebbe essere scritto.


Articolo realizzato in collaborazione con Cronache di un sole lontano

4 commenti:

  1. Molto interessante, lo cercherò.

    RispondiElimina
  2. Concordo, così dovrebbe essere scritto un racconto hard science fiction contemporaneo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E speriamo che Proxima b resti abitabile ancora per molto tempo per continuare a sognare

      Elimina