lunedì 15 febbraio 2021

Arthur C. Clarke: "Terra e spazio" volume 2 (racconti dal 1950 al 1957)

Arthur C. Clarke: "Terra e spazio" volume 2 (racconti dal 1950 al 1957)

Terra e spazio - Volume 2 è il secondo libro della quadrilogia Urania chiamata Terra e spazio che include tutti i racconti pubblicabili di Arthur C. Clarke

I racconti del volume 2 vanno dal 1950 al 1954 seguendo l'ordine cronologico, fatta eccezione per due storie inserite con l'ordine sbagliato che sono: Problemi con i nativi, un racconto del 1956 inserito casualmente all'inizio, e il racconto In profondità del 1957 (da cui è stato tratto il romanzo di Clarke I guardiani del mare).

In questo volume assistiamo a tre racconti seriali che hanno al centro della storia il locale chiamato Cervo Bianco, nel quale si narrano storie assurde realmente accadute ai protagonisti. I racconti che hanno a che fare col Cervo Bianco sono Silenzio, prego, il già citato "Problemi con i nativi" e Corsa agli armamenti.

Alcuni racconti sono ambientati sulla Luna. Uno di essi è Vacanza sulla Luna e si sviluppa su una stazione lunare che viene visitata dalla famiglia di un uomo che lavora sul satellite. In realtà si tratta di un piacevole giro turistico immaginario che viene offerto da Clarke a chi legge questa storia. 

Altro racconto ambientato sulla Luna è Ombre sulla Luna, un originale intrigo interplanetario la cui lettura dura molte pagine. È la versione ridotta dell'omonimo romanzo, un libro di grande valore che non viene ristampato da molti anni.

Un ulteriore racconto incentrato sulla Luna è La sentinella, diventato famoso per aver ispirato il regista Stanley Kubrick nella realizzazione, insieme allo stesso Arthur C. Clarke, del film 2001: Odissea nello spazio. Il manufatto alieno trovato sulla Luna in questo caso è una piramide, mentre, come in molti già sapranno, nel film e nel romanzo di Clarke si tratta di un monolito rettangolare.

Arthur C. Clarke: "Terra e spazio" volume 2 (racconti dal 1950 al 1957)
"Sentinella" è uno dei racconti più famosi di Arthur C. Clarke, ma il volume 2 di Terra e spazio include anche I nove miliardi di nomi di Dio, di sicuro tra i più noti racconti dell'autore. Al centro della storia c'è un monastero tibetano che chiede a degli scienziati occidentali di fornirgli un computer potentissimo per elaborare tutti i possibili nomi di Dio. Secondo i monaci, una volta realizzato questo compito il mondo è destinato a finire. Ovviamente gli scienziati non ci credono e si fanno due risate.

Clarke era un maestro dei racconti lunghi, di ampio respiro. E ovviamente nel volume 2 non mancano storie di questo genere. Tra tutte ricordiamo La strada verso il mare, che affronta un tema assai caro all'autore: l'esplorazione come fonte di risveglio, crescita e innovazione attraverso un personaggio illuminato in un mondo pigro e assopito. Ritroviamo questo tipo di trama in almeno due delle opere più riuscite di Arthur C. Clarke: il racconto Il leone di Comarre (in Terra e spazio - Volume 1) e il romanzo La città e le stelle.

Altro racconto lungo degno di nota è Giove Quinto, dove un certo Professor Forster segue le tracce di una civiltà aliena che avrebbe abitato il Sistema solare. La sua ricerca lo porta su un satellite di Giove che si scopre sin da subito essere una gigantesca astronave abbandonata nella quale il professore e il suo team non tardano ad addentrarsi. 

Tra i racconti lunghi da segnalare nel volume 2 ci sono anche il già citato "Ombre sulla Luna" e Al bivio, una storia di collaborazione tra due specie aliene, una con immense facoltà mentali e teoriche, l'altra con peculiarità manuali e pratiche. 

Il tema delle possessioni ritorna in ben tre racconti. Nel racconto I posseduti un'entità energetica chiamata Sciame sceglie di assumere una forma materiale possedendo una specie terrestre e seguendone l'evoluzione fino allo sviluppo di un'intelligenza avanzata che, però, non arriva come sperato. L'entità doveva puntare sugli antenati degli esseri umani e invece scopre di aver puntato sugli antenati evolutivi dei lemming, così alla fine rimane intrappolata in quelle creature.

Altri due racconti riguardano una forma ulteriore di possessione. Le opere in questione sono Tutto il tempo del mondo e Il parassita. Sono due storie tra loro molto diverse ma basate su un concetto comune, quello secondo cui è possibile viaggiare nel tempo col pensiero prendendo possesso di individui viventi nel passato.

Quelli appena elencati sono solo una parte dei racconti presenti in Terra e spazio - Volume 2 ma si spera di aver dato un'idea abbastanza chiara del contenuto di questo libro unico nel suo genere.


Leggi anche »» Arthur C. Clarke: "Terra e spazio" volume 1 (racconti dal 1937 al 1950)

Nessun commento:

Posta un commento