sabato 11 dicembre 2021

"Le guide del tramonto" di Arthur C. Clarke


Gigantesche astronavi piovono dal cielo e si posizionano sopra le principali città del mondo. I tentativi di distruggerle risultano inutili, ogni ribellione viene bloccata con metodi potentissimi ma senza spargimento di sangue, e alla fine è evidente a tutti che l'umanità si trova davanti a una civiltà incredibilmente più evoluta contro la quale non si può fare niente. Sotto il controllo degli alieni, chiamati Superni, la popolazione della Terra raggiunge un livello di benessere fino a poco tempo prima ritenuto utopico, anche se all'aumentare del benessere corrisponde una crescente perdita di iniziativa su tutti i fronti. Fino alla fine del libro la domanda che affliggerà gli abitanti del pianeta sarà: perché i Superni si prendono così tanto cura di noi?

Le guide del tramonto (Childhood's End) è un romanzo di Arthur C. Clarke del 1953 derivato da un precedente racconto intitolato Angelo custode e pubblicato nel 1950. Il romanzo è un po' un ampliamento e un po' anche una continuazione del racconto, cerca infatti di dare una conclusione a ciò che invece nel racconto rimane aperto.


In questo libro Clarke dimostra di non essere uno scrittore puramente razionale. Vi sono infatti inseriti elementi che potrebbero essere definiti sovrannaturali o meglio "parafisici". In una sua breve nota personale l'autore ci tiene però a specificare che le opinioni espresse nel libro non corrispondono alle sue.

Bisogna dire tuttavia che il vizio del realismo spaziale clarkiano non viene a mancare: come in Voci di Terra lontana (per dirne uno) Clarke pone dei limiti alla velocità di viaggiare nello spazio, nonostante a farlo sia una civiltà avanzatissima. È giusto e doveroso citare Giuseppe Lippi che nell'edizione Urania Collezione è stato molto efficace nel definire Clarke un "realistico esploratore del futuro".

Inutile ribadire che Le guide del tramonto è tra le opere più generalmente apprezzate di Arthur C. Clarke. Nel 2015 ne è stata tratta la serie tv Childhood's End.

Nessun commento:

Posta un commento